L’iniziativa dei cittadini europei

La volontà di allargare la partecipazione alle decisioni istituzionali contagia anche le istituzioni comunitarie.

Il trattato di Lisbona introduce il concetto di iniziativa dei cittadini europei.
Esso stabilisce infatti che “cittadini dell’Unione, in numero di almeno un milione, che abbiano la cittadinanza di un numero significativo di Stati membri, possono prendere l’iniziativa d’invitare la Commissione europea, nell’ambito delle sue attribuzioni, a presentare una proposta appropriata su materie in merito alle quali tali cittadini ritengono necessario un atto giuridico dell’Unione ai fini dell’attuazione dei trattati.” (Articolo 11, paragrafo 4, del trattato sull’Unione europea).
Le procedure e le condizioni necessarie per la presentazione di un’iniziativa dei cittadini europei dovevano essere stabilite da un regolamento che il Parlamento europeo e il Consiglio avrebbero dovuto adottare su proposta della Commissione europea.
La Commissione ha adottato la proposta il 31 marzo 2010.
Ora il Parlamento e il Consiglio hanno raggiunto un accordo definitivo sul regolamento.

Ecco alcune dei comitati di cittadini attivi al momento e in fase di allestimenti degli strumenti informatici per la raccolta firme.

Certo non risolverà tutti i problemi. Ma dimostra una certa sensibilità nei confronti della lontananza dei cittadini dalle istituzioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...